Visualizzazioni totali

lunedì 4 giugno 2012

Qualcosa che vorrei condividere

Ciao ragazze,
in questi giorni come avete visto il mio blog non ha trattato moltissimo argomenti un po' frivoli e divertenti, perchè quello che sta accadendo mi sta in parte destabilizzando.
Non tanto per le continue scosse che stanno sconvolgendo una zona a me vicina, ma quello che questo terremoto ha sulla mia persona.


Come avete letto sono profondamente affranta, delusa e disillusa dalla nostro paese, e questo mi sconvolge fino a qualche tempo fa credevo che l'Italia credesse in se stessa, oggi faccio fatica a vedere giovani che abbiamo i mezzi per contrastare poteri enormi.
Tutte le inchieste che si stanno aprendo sul mal costume italiano, mi stanno profondamente ferendo, perchè non riesco a vedere dove ci porteranno.
Se questo è un passo per cambiare definitivamente pagina, per scrivere un nuovo libro della storia di questo paese allora ben venga.
Sdradichiamo tutto il marcio; le persone colpevoli  paghino per i loro errori e  ricominiciamo con umiltà, onestà intellettuale e voglia di rinnovamente, sarà  un periodo duro, ma che potrebbe comportare  un svolta definitiva  e  rinnovamento  del  tessuto sociale su cui edificare un futuro più sereno.
Riportiamo al centro delle discussioni l'uomo come essere umano con tutte le sue complessità e problematiche e che la collaborazione tra persone sia un bisogno comune a tutti.
Se invece è l'ennesima manfrina perchè tutto cambia per non cambiar nulla ( non è mia questa frase ma del Gattopardo) allora mi sento una persona demotivata, sento che piano piano questo paese non sta più credendo in nulla, sento che la spinta che i giovani potrebbero dare alla nazione è priva di propellente positivo e costruttivo.
Spero che quest'ultima visione sia solo un momento buio che possa passare e non rimanere per altri 20 anni, perchè non c'è futuro senza ricerca, rinnovamente e voglia di fare.
 Mi spiace ragazze se la mia visione contratta molto con la mia natura, perchè non mi piace mai guardare il bicchiere mezzo vuoto, ho imparato che pensare positivo porta su di se grandi energie, ma a volte rilanciare questo pensiero non così facile quando non si vedere la luce all'orizzonte.
Ho la sensazione che questa nazione debba passare una lunga nottata prima di poter ancora rivedere una nuova alba spero di sbagliarmi profondamente.
Scusate questo mio post un po' melodrammatico, un po' pessimista un po' privo di senso in una giornata dedicata al silenzio per lutto nazionale, ma tacere è difficile per un poeta dell'anima, per me questo è il modo migliore per commemorare colore che hanno pagato con la vita errori enormi di altri che hanno voluto lucrare sulla pelle degli altri.


Questa foto l'ho scaricata da Kabbalah dove vi invito a leggere l'articolo perchè è quello che penso anch'io da molto tempo.

Ora per l'arrichimento di pochi pagheremo tutti questi giochini sporchi e dannosi per alcuni anni, grazie disonesti, grazie arrivismo, nefreghismo, grazie egoismo e voglia di arricchirsi alle spalle della comunità.
Ora vi saluto baci buona giornata Alex
P.S questo è solo uno sfogo di chi vorrebbe fare qualcosa ma non sa come essere utile.

10 commenti:

  1. Anke io sono affranta da tutto ciò ke sta accadendo... per di più il lavoro è un miraggio e non sò quando vedremo la stabilità... bah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Eva
      quello che maggiormente mi infastidisce è questo essere impotenti di fronte alla strafottenza di una classe politica inadeguata. Baci buona serata Alex

      Elimina
  2. <3 momenti terribili, anche ieri sera si è sentita una bella scossa, e in un Paese già dilaniato da 3000 problemi, come si puo' essere ottimisti?Anche io mi sento "imbruttita" da tutto quello che mi circonda e dall'impotenza...passerà amche questa, mi auguro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale
      spero che questo momento nero si dissolva, ma soprattutto che ognuno di noi giovani trovi il suo spazio, e sia adeguatamente ricompensato. Baci grazie buona giornata Alex

      Elimina
  3. Non è melodrammatico. Purtroppo è realista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dama
      non è nelle mie corde piangermi addosso ma a volte gli eventi possono anche sopraffarci. Grazie baci buona giornata Alex

      Elimina
  4. Non devi scusarti Alex, hai solo esposto quello che ti angustia in questo momento... ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo
      grazie non sapete quanto le vostre parole possano darmi un nuovo coraggio e una nuova forza per inventarmi qualcosa. Baci buona giornata Alex

      Elimina
  5. Ciao Alex! Io sono affranta dal fatto che ho trovato tre micetti nella spazzatura,studio e lavoro e vivo in un monolocale,per cui non posso tenerli MA lo faccio. Sono affranta perchèho già speso poco più di 200 euro, nessuno li adotta e c'è una legge regionale del 2000 che obbliga le autorità a prendersene cura in quanto i randagi sono "proprietà del Sindaco", e per quanto mi sbatta non funziona nulla, nemmeno l'ambulatorio gratuito è accessibile. Mi spiace perchè siamo troppo indifferenti e pensiamo solo a lucrare sulle sfortune altrui, ah, vero, lo chiamiamo diritto di cronaca e quando non frutta più ce ne dimentichiamo :( Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alina,
      il problema che c'è troppo indifferenza, se fossi più vicina cercherei di darti una mano, ma siamo troppo lontane, non ho amiche in quella zona che possano farsi carico di questi piccoli. Baci spero che tu riesco presto a trovare qualcuno buona giornata Alex

      Elimina

Grazie per essere passato. Thanks for your visit. Se si muove una critica nei confronti di chi scrive, pregasi di farlo con decoro, usando un italiano corretto e non da scaricatore di porto. GRAZIE