Visualizzazioni totali

martedì 22 maggio 2012

Il geologo che è in me

Ciao ragazze,
questo è un post sfogo, il post di un dottore in geologia ( non geologo perchè non ho mai sostenuto l'esame di stato, quindi non sono scritta all'albo)
Quando ho visto Presa Diretta un po' di tempo fa,vidi immagini che mi fecero montare in me un'incazzatura sempre più grande, una frustrazione che voi non avete idea, veder una delle zone più belle d'Italia violata e ferita com'è ora e sapere che media e giornali non si interessano più dei quelle zone, mi fa sentire impotenti mi fa credere che l'investimento che ho fatto fosse giusto, ma dei miei studi l'Italia non vuole farci nulla.
Come sapete o meglio come avevo scritto in questo post Domande random, sono di base un "geologo", amavo quello che avevo studiato perchè sono affascinanta dalla forza della natura, e pensare che zone come le 5 Terre non avessero un geologo mi fa accaponare la pelle.
Una zona che è un gioiello dell'UNESCO difeso per preservalo come tesoro dell'Umanità, ora è profondamente un territorio ferito e la morfologia è cambiata, quelle zone dove avevo passeggiato mano nella mano con mio marito ora sono un ricordo nella mia mente di donna, ma anche di bambina perchè in quelle zone ho vissuto molte delle mie estati.
Vi garantisco che vedere quelle immagini, mi ha profondamente affranta, ho sentito una parte di me che è stata strappata via e uccisa sotto quei detriti.


Queste sono le immagini di quei giorni, ed ora la desolazione. Il carugio di MonteRosso è solo un lontano ricordo, Vernazza non è raggiungibile se non via treno e dal personale che lavora o ha la residenza lì, la perdita di turismo che ne succederò sarà enorme, e la bellezza dei terrazzamenti è persa nella memoria.
A volte vedere queste immagine mi fa piangere l'anima, perchè ho fatto una scelta che serviva a salvaguardare il territorio che amo, vorrei poter far qualcosa ma mi hanno legato le mani, hanno fatto in modo che io cercassi altrove il lavoro, perchè noi geologi siamo derisi e non considerati, siamo visti come il Grillo Parlante, potremmo evitare certe situazione se solo preservassimo il nostro territorio, è fantastico ha tutto dalla natura, ai monumenti.
Io mi sento presa in giro, sento che le amministrazioni e gli enti locali e centrali non hanno fatto nulla, ci hanno solo venduto fumo negli occhi, e ogni giorno che passa vedo sempre di più, intorno a me, un territorio ferito e degradato.
Ora un'altra scigura geologica ha colpito nuovamente un territorio ferito.
Questa volta non è un' alluvione che può essere più prevista, ma un terremoto che ancora oggi noi geologi non sappiamo affrontare nel migliore dei modi.
Non sappiamo prevedere come quando e che intensità potrebbe avere un sisma.
Vi ricordo un vecchio post che scrissi nel momento che avvenne il sisma in Giappone Terremoto.
I sismi possono essere devastanti, basti pensare a quello dell'Aquila, dove morirono + di 300 persone, dove intere famiglie vennero distrutte, dove ancora oggi il centro della città resta ferito e desolato, dove una popolazione sta ancora negli alberghi e non può tornare nelle proprie case, dove le autorità facero la sfilata ma non capirono per nulla la gravità e dove ora stanno ancora costruendo sulla faglia anche se le carte geologiche danno la non fattibilità di edificazione, credo che in Italia il malcostume sia diventato ormai la norma.
La mancanza di educazione ad affrontare questi momenti è dovuta alla scarsa capacità di insegnare già dai banchi di scuola quali siano i comportamenti da assumere e seguire in quei momenti.
Ho visto piani di evacuazione della zona dei campi Flegrei a dir poco folli, una sola arteria che passa attraverso alcuni comuni e che dovrebbe reggere il peso di uno spostamento di 300.000 persona, cose folli.
La mancanza preparazione porta a scene di panico, a morti inutile e la non tutela del territorio e l'eludere le regole portano a distruggere intere generazioni di studenti, ricorderemo tutti le scene del crollo della casa dello studente.
Perchè ci furono tanti morti in fondo la magnitudo era simile a quella di ieri.
Il sisma si propagò su cucuzzolo della montagna, la profondità era maggiore e la cattiva edilizia più diffusa ecco perchè ci furono molti più crolli e quindi più morti.
La fortuna se volete è che questo sisma sia avvenuto di notte, ma pensate solo se fosse avvenuto verso l'ora canonica delle funzioni religiose della domenica, con tutte le chiese crollate sarebbe stata una strage.
Chi ha pagato il prezzo più salato questa volta è il patrimonio culturale e storico italiano, un patrimonio che va tutelato e difeso dallo stesso uomo che non riesce a coglierne il valore profondo.
Ora la mia penna tace, perchè il dolore che provo per la mancanza di rispetto per la vita umana e il territorio mi hanno sempre offesa profondamente, mi hanno sempre indignata e colpita nel profondo, non capisco e concepisco il guadagno ai fini di arricchirsi alle spalle degli altri, i guadagni facili vanno in polvere.
Ora vi saluto vi abbraccio e abbraccio tutte le ragazze che vivono in quelle zone. Baci buona giornata Alex

10 commenti:

  1. Guarda non ho parole, ma possibile che in Italia non si riesca a far niente di buono?? Ho visto alcune foto del Giappone, a un anno di distanza dal terremoto gran parte delle costruzioni era già stato ricostruito, mentre quì invece stiamo a dormire sugli allori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara,
      in Giappone hanno avuto un'altra scossa che ha portato alla rottura del nocciolo e quindi si prevedere un disastro nucleare mondiale, tanto perchè anche loro tanto in gamba a sistemare hanno taciuta la verità su questo grosso problema, credo che tutti abbiano i loro difetti da noi sono enormi. Baci buona serata Alex

      Elimina
  2. che rabbia Alex.
    io sono archeologa, costretta dalle circostanze a fare altro e come te sto a guardare impotente il degrado ambientale e del patrimonio artistico.
    Bel post, molto sentito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale
      altro lato che abbiamo in comune avrei fatto l'archeologo se non avessi fatto il geologo, adoro il nostro patrimonio artistico e capisco la tua impotenza. Baci buona serata Alex

      Elimina
  3. Ciao Alex! sante parole! Io purtroppo ho vissuto quella bruttissima scossa delle 4 di notte a 3km dall'epicentro! e in questi giorni a mente lucida la mia domanda è stata proprio quella che ti sei posta tu: "ma se la scossa fosse venuta alle 9 del mattino? quando la maggior parte della gente era a messa?" ci sarebbe stato il panico assoluto! c'è troppa ignoranza su come ci si debba comportare in queste situazioni, specialmente in pianura padana dove ci è sempre stato detto che non è una zona a rischio terremoto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erica
      credo che combattere l'ignoranza per questi argomenti nella popolazione sarebbe uno dei lavori che dovrebbero fare i geologi, andare per le scuole e insegnare ad amare e rispettare la terra in tutte le sue forme e saper agire di conseguenza quando si ha a che fare con un evento straordinario come il terremoto. Baci buona serata Alex

      Elimina
  4. Immagino cosa provi, ma Alex, l'Italia è un paese che di gente colta e preparata non sa che farsene, meglio, molto meglio dare spazio a chi è raccomandato anziché a chi si è rotto la schiena sui libri... questa cosa mi fa proprio ribrezzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo
      provo rabbia, e delusione per uno stato che parla e non fa nulla, che distrugge e lascia al degrado qualunque cosa senza che gli importi veramente di nulla, mi sembra di aver buttato via i miei anni a volta, a volte vorrei non sapere per non sentirmi offesa e ferita come essere umano. Baci buona giornata Alex

      Elimina
  5. Ciao Ale, proprio in questi giorni soffro tantissimo nel vedere che tutti coloro che mi stanno attorno sono raccomandati, in Italia nessuno ha il coraggio di andare avanti con le proprie forze, tutti cercano le vie facili e pochi la strada meno battuta come diceva Throeau. L'Italia è il paese della corruzione ambientale, è diventata ormai un fatto fisiologico e quindi non c'è gente meritevole al potere...nessuno che si occupi di nulla....:( Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alina
      è dura affrontare la realtà dei fatti che tutto cambia per nulla cambiare, siamo un paese gattopardesco che non si è mai voluto evolvere, ci sono eccelenze che rifiutiamo di dargli spazio e malfattori che arrivano dove non dovrebbero. Baci buona giornata Alex

      Elimina

Grazie per essere passato. Thanks for your visit. Se si muove una critica nei confronti di chi scrive, pregasi di farlo con decoro, usando un italiano corretto e non da scaricatore di porto. GRAZIE